La criptovaluta aumenta la criminalità?

Ole
28.09.2021
123 Views
Crimine

Molte persone associano la criptovaluta agli investimenti o a un mezzo di pagamento fulmineo che garantisce trasferimenti di denaro efficienti. Tuttavia, ci sono anche molti che associano la criptovaluta al crimine.

La criptovaluta aiuta a dare ai criminali l’opportunità di commettere riciclaggio di denaro, evasione fiscale o altri atti illegali ?

Perché la criptovaluta può essere attraente per i criminali?

Criptovaluta è decentralizzata, il che significa che non esiste un controllo centrale della valuta. Ciò rende anche molto difficile tracciare le transazioni oltre i confini nazionali. Per questo motivo, la criptovaluta è diventata molto popolare tra i criminali profittatori.

Secondo uno studio condotto nel 2018, i ricercatori hanno stimato che circa il 50% di tutte le transazioni Bitcoin può essere collegato alla criminalità. Criptovaluta viene utilizzata, ad esempio, per transazioni legate allo spaccio di droga e al traffico di esseri umani.

Un altro studio indica che circa il 25% di tutte le transazioni Bitcoin sono legate alla criminalità. Le cifre sono quindi alquanto incerte, ma non c’è dubbio che molti criminali utilizzino la criptovaluta come mezzo di pagamento.

Si ritiene che Bitcoin e altre criptovalute per un valore di circa $ 72 miliardi siano collegate ad attività criminali.

Riscatto richiesto a Monero

La maggior parte delle persone ha sentito parlare della scomparsa di Lørenskog in cui Anne-Elisabeth Hagen è scomparsa dalla sua casa. Nella casa condivisa da lei e dal marito è stata ritrovata una nota con una richiesta di riscatto di 9 milioni di euro.

Questo riscatto è stato richiesto a Monero, una criptovaluta nota anche come XMR. Non è noto se questa richiesta di riscatto fosse reale o meno. Ma ci sono ancora ovvie ragioni per cui i criminali possono chiedere un riscatto in criptovaluta.

Monero consente pagamenti completamente anonimi tra mittente e destinatario. Le transazioni con Monero sono crittografate a tutti i livelli. Ciò ha reso praticamente impossibile per la polizia rintracciare i colpevoli.

Monero è noto per essere ancora più anonimo di, ad esempio, Bitcoin. Altre criptovalute anonime sono Bytecoin e Zcash.

[etoro]

Hacking di criptovalute

Esiste anche un’altra forma di crimine che può essere collegata alla criptovaluta. Alcuni hacker ottengono ingenti somme di denaro hackerando gli scambi di criptovalute.

Fortunatamente, l’hacking è abbastanza raro, ma si verifica occasionalmente. Un esempio è la criptovaluta “norvegese” IOTA. Questa criptovaluta è stata gradualmente eliminata nel 2020 perché gli hacker sono riusciti a rubare denaro agli utenti.

Le autorità sono consapevoli del problema

Fortunatamente, non è il caso che i criminali riescano a farla franca, purché utilizzino la criptovaluta. Nel 2013, la polizia Italia ha ricevuto suggerimenti dall’FBI negli Stati Uniti che alcuni norvegesi avevano venduto droghe illegali usando Bitcoin sul web nero.

I tre uomini in questione sono stati poi a lungo spiati dalla polizia. Nel giugno 2015, la polizia aveva prove sufficienti per arrestare i tre norvegesi. Si è scoperto che gli uomini avevano controllato il traffico di droga da una città nel sud-est della Italia .

Avevano venduto di tutto online, dalla cocaina e marijuana, alle anfetamine e ad altre droghe. Quando la gente comprava la droga, veniva pagata con Bitcoin. Questo denaro è stato poi riciclato e scambiato con corone norvegesi.

Ciò è stato fatto utilizzando documenti d’identità e carte di debito falsi che gli uomini avevano ottenuto online. In totale, gli uomini avevano guadagnato più di tre milioni di corone dal traffico di droga. Un italiani è finito in prigione e hanno ammesso una parziale colpevolezza penale.

Le autorità fiscali e Økokrim stanno seguendo l’esempio

In Italia , sia la polizia, sia Ecocrime e le autorità fiscali sono consapevoli che la criptovaluta viene utilizzata dai criminali. Tuttavia, è difficile identificare i criminali dietro le transazioni di criptovaluta.

È anche vero che la legge sul riciclaggio di denaro non si applica specificamente all’industria delle criptovalute. Criptovaluta non è tenuto a segnalare transazioni sospette e l’intero processo è decentralizzato senza alcuna affiliazione con le banche.

Gli utenti non devono necessariamente rivelare la propria identità quando fanno trading di criptovalute, il che rende difficile determinare chi c’è dietro le transazioni.

Bitcoin non è completamente anonimo

Vale anche la pena notare che Bitcoin (e molte altre forme di criptovaluta) non sono così anonimi come pensano molte persone. È vero che si ottiene un certo anonimato, ma non è completamente anonimo.

Potrebbe essere potenzialmente possibile risalire alle transazioni Bitcoin fino all’utente. Questo può essere fatto, tra le altre cose, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale e del monitoraggio.

Quando trasferisci denaro con Bitcoin, hai un portafoglio che ti dà un certo anonimato sotto forma di una lunga serie di numeri. Tuttavia, tieni presente che tutte le transazioni nella blockchain sono aperte e visibili a tutti nella rete. Tutti possono vedere quali transazioni provengono da quale portafoglio.

La transazione può essere rintracciata nel tuo portafoglio per sempre. Se l’identità del tuo portafoglio Bitcoin viene a conoscenza, ovvero i numeri possono essere collegati a te come persona, le transazioni non sono più anonime. Le autorità hanno rivelato le identità di molti.

La maggior parte degli utenti di criptovalute rispetta la legge

Criptovaluta e criminalità possono essere collegati in molti casi, in particolare nella criminalità economica e nella criminalità della droga. Ma nella stragrande maggioranza dei casi, gli utenti di criptovaluta rispettano la legge.

Degli oltre 200.000 norvegesi che possiedono criptovaluta, la maggior parte la usa come mezzo di pagamento o investimento, senza intenti criminali. Molte persone pensano che sia un peccato che le criptovalute abbiano una “cattiva reputazione” a causa dei criminali che sfruttano la valuta.

Sommario

Criptovaluta è facile da archiviare, trasferire e scambiare in valuta ordinaria in altri paesi. Poiché spesso è molto difficile tracciare le transazioni a causa della tecnologia blockchain, le criptovalute sono spesso attraenti per i criminali.

I criminali sfruttano le criptovalute e spesso le usano per nascondere la criminalità, finanziare la criminalità e il riciclaggio di denaro. Le autorità chiedono una migliore regolamentazione delle criptovalute, in modo che il crimine possa essere rilevato più facilmente.

Ricorda che la maggior parte delle persone che usano la criptovaluta non compiono atti criminali. Per la maggior parte delle persone, la criptovaluta è un investimento o un metodo di pagamento semplice e sicuro.

FAQ

[sc_fs_multi_faq headline-0=”h2″ question-0=”Er det forbudt å bruke kryptovaluta?” answer-0=”Nei, det er fullt lovlig å bruke kryptovaluta. Noen kriminelle bruker kryptovaluta til transaksjoner, men majoriteten av brukerne er ikke kriminelle.” image-0=”” headline-1=”h2″ question-1=”Hvilken kryptovaluta er mest anonym?” answer-1=”Ulike typer kryptovaluta kan ha ulik grad av anonymitet. Varianter som Monero, Bytecoin og Zcash er blant de variantene som oftest benyttes til kriminalitet.” image-1=”” headline-2=”h2″ question-2=”Er Bitcoin anonymt?” answer-2=”Både ja og nei. Identiteten din skjules bak en tallrekke. Dersom denne rekken av tall kan kobles til identiteten din derimot, er du ikke lengre anonym.” image-2=”” count=”3″ html=”true” css_class=””]

Author Ole

Ole jobber som freelance forfatter/skribent, men er også med på vårt team. Han har hatt en interesse for krypto i flere år og det er naturlig for han å opplyse andre om denne fantastiske teknologien. Ole sier selv at å skrive om kryptovaluta ikke er en jobb, men en lidenskap! For oss kan det jo ikke bli bedre!